Clicca per votare articolo

Quechua, la lingua degli Incas

Il quechua, chiamato anche “Runa simi”, è la lingua madre più utilizzata in Sud America. È parlato in varie regioni del Perù, Bolivia, Ecuador, Colombia, Cile e Argentina. Ha diversi dialetti e divisioni. Era la lingua degli Incas, che la diffusero in tutto l’impero Tahuantinsuyo. Ci sono quasi 12 milioni di persone di lingua quechua nel continente. Contrariamente a quanto molti pensano, questa lingua, lungi dallo scomparire, ha fatto nuove radici. Attualmente è una delle lingue ufficiali del Perù.


Lingua Quechua Inca
Rappresentazione dell’Inca

Qual è l’origine del quechua?

  • La ‘Runa simi’ o Quechua nasce sulla costa centrale della regione di Lima. Da lì si estende a Cusco e all’intera Valle Sacra degli Incas, espandendosi nel territorio sud-orientale insieme all’impero degli Incas. I vincitori imposero la loro lingua come forza unificante, emergendo così la lingua dello Stato.
  • Il termine “Runa simi” è stato cambiato in “Kichua” o “Quechua” nell’opera “Arte e vocabolario della lingua generale del Perù chiamata Quichua”, scritta da Fray Domingo de Santo Tomás nel XVI secolo.

Quechua e gli Incas

  • Secondo la leggenda dell’origine degli Incas, questi provengono dall’Altiplano. I primi Incas che arrivarono a Cusco nel XIII secolo non parlavano quechua. Parlavano “Puquina”, che era una lingua madre delle tante che si parlavano nelle città che circondavano il Lago Titicaca negli altopiani, al confine tra Perù e Bolivia. Arrivati a Cusco, si sono adattati alla lingua parlata lì, che era il quechua (che era già parlato in molte zone andine e costiere del Perù).
  • Durante il periodo espansionista dell’impero Inca (all’inizio del XV secolo), la lingua quechua si diffuse principalmente negli altopiani e nel territorio meridionale dell’impero Tahuantinsuyo. In molte parti del nord e della costa si parlava già della “Runa simi”. Altrove, il quechua non ha sostituito le lingue aborigene parlate come Mochica o Cañari.

Mappa della lingua quechua oggi

Mappa della lingua quechua
Mappa della lingua quechua

Storia della lingua quechua

Quechua nell’antico Perù

  • Il quechua si espande dalla cultura Caral a Lima per poi espandersi ad alcuni gruppi etnici come Chavín, Lima, Moche Wari e Nazca; a sud, i K’anas, i Chunpiwillka, i Qanchis, gli Ayarmaka e altri.
  • Nella regione di Cusco, il quechua arriva con gli Yauris, i Chunpiwillka e i Canchis. Gli Incas, all’arrivo a Cusco, adattano anche il quechua come lingua propria. Successivamente, con l’espansione dell’impero Inca, questa lingua fu finalmente consolidata nel vasto territorio Inca.

Quechua durante il periodo coloniale

  • Durante il vicereame del Perù, il quechua continuò ad essere la lingua più parlata dalle persone costrette a imparare lo spagnolo.
  • Tuttavia, i missionari cattolici usavano il quechua e altre lingue parlate nell’impero degli Incas per impartire la nuova dottrina religiosa nel nuovo mondo.
  • I manuali religiosi erano scritti nelle lingue più importanti dell’impero, come aymara, mochica o guaraní. Fu così che gli spagnoli aumentarono rapidamente il loro potere sul popolo dell’impero.

Quechua nel XX secolo

  • Durante la metà del XX secolo, il quechua è stato dichiarato la lingua ufficiale del Perù, della Bolivia e dell’Ecuador. L’istruzione in questa lingua è stabilita nei luoghi in cui è parlata.
  • Alcune delle sue varietà riducono il numero dei suoi altoparlanti. Tuttavia, secondo vari studi, sempre più persone parlano questa lingua, soprattutto nelle aree urbane.
  • Vengono identificate fino a nove diverse varietà, la maggiore diversità delle quali si trova nel settore settentrionale del Perù e dell’Ecuador.

Quechua oggi

  • Il quechua è attualmente parlato nel Sud America occidentale. È, insieme allo spagnolo, la lingua ufficiale in paesi come Ecuador, Colombia, Bolivia, Perù, Cile e Argentina.
  • È usato nella regione andina, soprattutto dove si stabiliscono le comunità indigene, come la regione di San Pedro de Atacama in Cile. Mentre in Argentina, il quechua è ampiamente parlato nella provincia di Santiago del Estero.
  • Infine, in Perù, Bolivia ed Ecuador è dove ci sono più oratori. Il quechua è diventato così popolare tra la gente del posto e gli estranei che ha persino un proprio motore di ricerca su Google.

Molti linguisti concordano sul fatto che il quechua è una delle lingue che meglio esprime stati d’animo, dolcezza, tenerezza, passione, rabbia o disprezzo. Per molti parlanti quechua, è molto difficile tradurre il quechua in altre lingue poiché molto si perde durante questo processo. Nonostante quello che pensano molte persone, il quechua continua ad evolversi. Si ritiene che ogni anno sempre più persone imparino la lingua degli Incas.


Ci sono libri scritti in quechua?

  • Si dice che Fray Domingo de Santo Tomás (frate domenicano), sia stato il primo missionario ad apprendere la lingua quechua. Durante la sua opera di evangelizzazione in Perù, ha pubblicato le prime due opere in quechua, “la grammatica o arte della lingua generale degli indiani dei regni del Perù” e il “Lessico” (vocabolario della lingua generale del Perù).
  • Nel 1680 iniziò la cosiddetta età dell’oro della letteratura quechua (principalmente nel Perù meridionale). In questo periodo viene scritto il dramma “Ollantay”, proveniente da una tradizione orale fin dai tempi degli Incas.
  • Dopo la sconfitta di Túpac Amaru II (1781), è vietato l’uso di abiti e lingue indigene, nonché qualsiasi manifestazione di costumi o modi di vita, diversi da quelli degli invasori. Causando il declino delle élite andine e generando uno stigma sociale contro la lingua, ma senza farla sparire completamente.
Lingua Quechua Inca
Primo libro quechua “Lessico” di Fray Domingo de Santo Tomás

Quante persone parlano quechua?

  • Attualmente ci sono circa 12 milioni di persone che parlano quechua. Il Perù è il paese con il maggior numero di parlanti quechua. La lingua degli Incas è parlata anche nel nord dell’Argentina, nel sud-est della Bolivia, in Cile (in Alto e El Loa), così come nel sud-ovest della Colombia e nel nord-est dell’Ecuador. È la lingua madre più parlata nel continente.

Quechua durante il viaggio a Cusco e Machu Picchu

  • Cusco, l’antica capitale dell’impero Inca, è uno dei luoghi del Perù con il maggior numero di parlanti quechua. Si stima che il 45% della sua popolazione parli questa lingua. Ecco perché il turista, durante la sua visita a Cusco e Machu Picchu, ad un certo punto dovrà imbattersi in un parlante quechua.
  • Tuttavia, a Cusco, molti dei parlanti quechua parlano correntemente anche lo spagnolo come seconda lingua. Alcuni di loro conoscono anche l’inglese. Pertanto, si consiglia ai turisti di conoscere un po ‘di spagnolo e, perché no, quechua per la loro visita a Cusco e Machu Picchu in Perù.

Alcune caratteristiche del quechua

Il quechua è un linguaggio piuttosto espressivo. Esprime fiducia, apprezzamento e affetto Queste sono alcune delle sue caratteristiche:

  • Onomatopeica: le voci quechua nascono da rumori naturali, come i suoni del vento, lo scorrere dell’acqua, il cinguettio degli uccelli, ecc.
  • Polisintetico: si dice così, poiché aggiungendo un morfema o un suffisso a un lessema o radice, nascono altre parole.
  • Polisemica: un gran numero di parole nella lingua quechua hanno due o più significati

Impara alcune parole in quechua

Non perdere l’opportunità di imparare un po ‘di Quechua. Sarai orgoglioso di conoscere qualcosa della lingua degli Incas, anche se sono solo poche parole:

  • Ciao: Rimaykullayki o Napaykullayki.
  • Come stai?: Allillanchu?
  • Bene. E tu?: Allillanmi, Qamrí?
  • Come ti chiami?: Imataq sutiyki?
  • Il mio nome è: Sutiymi kan…
Lingua Quechua Inca
La lingua quechua si diffuse nei quattro Suyos

 

Di Ticket Machu Picchu – Ultimo aggiornamento, agosto 11, 2020