Machu Picchu
47 articoli
La storia di Machu Picchu
Clicca per votare articolo

Storia di Machu Picchu

L’Impero Inca è stata fondata nel Cusco intorno all’anno 1200 dC La sua origine è data in relazione a due famose leggende: a) La leggenda di Manco Capac e Mama Ocllo b) La leggenda dei Fratelli Ayar. In entrambi i casi le legende indicano Manco Capac fondatore e primo regolatore. Al momento del Inca Pachacutec (1438 – 1471) la città Inca di Machu Picchu è stata costruita.



Machu Picchu è diventata la destinazione turistica preferita in Perù e una delle più importanti del pianeta. Nel 1983 è stato dichiarato Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’Unesco. Nel 2011 è stato scelto come una delle nuove 7 meraviglie del mondo moderno.


Machu Picchu prima degli Incas

  • Le indagini condotte nell’area che include il Santuario storico di Machu Picchu hanno trovato pezzi di ceramica appartenenti alla cultura di Marcavalle, la cui antichità raggiunge i 3 mila anni prima di Cristo.
  • Tuttavia, i risultati sono scarsi rispetto a quelli trovati in altre regioni della Valle di Cusco. Pertanto, si conclude che nell’area che attualmente comprende Machu Picchu, Vitcos e Vilcabamba stabilirono famiglie isolate con pratiche comuni a Marcavalle, Killke e altri predecessori delle culture agli Incas.
  • Inoltre, con la recente scoperta nel 2011 di una tomba di Wari (civiltà che esisteva 1 secolo prima degli Incas) a Vilcabamba; si può presumere che siano anche riusciti ad abitare nelle regioni dell’Amazzonia, incluso Machu Picchu.
  • La verità è che la regione di Machu Picchu era abitata da poche persone nei tempi pre-Inca. Con la costruzione della città Inca, fu ordinato l’insediamento di questa zona della giungla montuosa.

La costruzione di Machu Picchu

  • Prima della costruzione di Machu Picchu, quest’area era abitata da popolazioni vicine come l’ayllus di Vilcabamba e la Valle Sacra degli Incas. Tuttavia, dopo l’espansione dell’Impero Inca, questi territori divennero parte del crescente impero Tahuantinsuyo.
  • Tuttavia, si raccomanda di ricevere alcuni tipi di vaccini per prevenire le seguenti malattie: varicella, epatite A, epatite B e febbre gialla.
  • Secondo la ricerca condotta con il test del carbonio 14, la data di costruzione di Machu Picchu fu nel 1450 dC In quell’anno governò Inca Pachacutec, il principale responsabile dell’espansione Inca . Tuttavia, i lavori sarebbero continuati con il suo successore e figlio Tupac Yupanqui.
  • Secondo studi sul campo si ritiene che la forza lavoro per la coltivazione nella città di Inca sarebbe stata formata da persone provenienti da diverse parti dell’impero (chiamate “mitimae”).
  • Si presume che i primi abitanti della nuova Inca City fossero i “Chachapoya”, popolo conquistato dagli Incas e la cui origine si trova nella giungla montuosa a nord del Perù.
  • Oltre a Machu Picchu, gli Incas estesero i loro territori attraverso la valle del fiume Urubamba, riuscendo a erigere importanti centri amministrativi come Choquequirao, Vitcos, Vilcabamba e altri.

Machu Picchu nel periodo Inca

  • Durante il periodo Inca, Machu Picchu era un importante centro urbano e religioso. Ciò è evidenziato dai suoi raffinati edifici in pietra levigata dove spiccano i suoi bei templi: il Tempio del Sole, il Tempio della Luna, il Tempio delle 3 finestre e altro ancora.
  • Si ritiene che Machu Picchu avesse tra i 300 ei 1.000 abitanti durante il suo periodo di splendore.
  • La maggior parte della popolazione di Machu Picchu era dedicata principalmente all’agricoltura. Inoltre, una piccola parte della nobiltà era dedicata ai riti religiosi.
  • Per nutrire l’intera popolazione di Machu Picchu, gli Inca costruirono piattaforme all’interno della città di Inca (settore agricolo) e nelle aree circostanti (negli attuali siti archeologici di Patallacta e Qentemarca).
  • La rete stradale ‘Qhapac Ñan’ costruita per comunicare Machu Picchu con le città circostanti favorì il commercio con il resto dell’impero . Tuttavia, dopo la morte di Pachacutec così come la costruzione di altre cittadelle e strade; Machu Picchu ha perso importanza.

Qual è stata la ragione della costruzione di Machu Picchu?

  • All’inizio si credeva che Machu Picchu fosse stato costruito per servire come fortezza militare e anche come luogo di riposo per l’Inca Pachacutec e la sua famiglia.
  • Tuttavia, studi esaustivi condotti da alcuni dei migliori specialisti hanno rivelato che la città Inca era usata come luogo di culto e come santuario religioso.
  • Certamente, l’interesse di Inca Pachacutec per costruire Machu Picchu in una geografia esuberante risponde a quello che è stato ammirato dal luogo. Inoltre, la posizione strategica nella giungla montuosa serviva da punto di controllo dell’impero con l’Antisuyo (confini dell’impero con la giungla).
  • Secondo le indagini dello storico spagnolo María del Carmen Rubio, il vero nome di Machu Picchu era “Patallacta”. Questo è esattamente il nome del luogo in cui l’Inca Pachacutec voleva essere sepolto. Tuttavia, la sua tomba non è stata ancora scoperta.

Machu Picchu durante le guerre a Vilcabamba

  • A causa della sua posizione nella giungla montuosa di Cusco, Machu Picchu fu un punto strategico durante le guerre intraprese da Manco Inca e gli altri ribelli di Vilcabamba tra il 1537 e il 1572.
  • Secondo alcuni storici, Machu Picchu fu radicalmente spopolato nel 1537 perché molti dei suoi abitanti furono reclutati per unirsi all’esercito ribelle di Manco Inca.
  • I pochi abitanti rimasti a Machu Picchu continuarono a coltivare la terra per rifornire i soldati di Vilcabamba. Inoltre, alcune scoperte nella città di Inca indicano che hanno strappato il bestiame dagli spagnoli per sopravvivere.
  • Secondo alcune cronache, nel 1570 l’Inca di Vilcabamba Titu Cusi Yupanqui raggiunse un accordo con gli spagnoli affinché i frati agostiniani venissero ad evangelizzare gli abitanti di Machu Picchu. Secondo l’antropologo Luis Lumbreras, forse furono gli evangelizzatori a bruciare il Tempio del Sole.
  • Nel 1572, con la fine degli Inca ribelli di Vilcabamba e la vittoria spagnola, i pochi abitanti rimasti a Machu Picchu dovettero abbandonarlo quasi del tutto. I pochi rimasti lì hanno reso omaggio agli spagnoli anche se in modo molto isolato.

Machu Picchu nell’era coloniale

  • La città Inca di Machu Picchu aveva appena un secolo di vita. In un periodo in cui c’era una sanguinosa guerra civile tra Huáscar e Atahualpa, i membri della famiglia reale degli Inca Pachacutec (che morì 50 anni prima) lasciarono il posto.
  • Nel 1572, l’impero finì per essere distrutto (dopo la fine dei ribelli Incas di Vilcabamba). I coloni furono lasciati alla loro libera scelta. A causa dell’incomunicazione della città Inca con il Cusco, hanno finito per decidere di lasciare Machu Picchu gradualmente e la vegetazione densa infestava il posto.
  • Gli invasori spagnoli sapevano dell’esistenza di Machu Picchu. I documenti riportano che i pochi contadini che vivevano lì dovevano rendere omaggio una volta all’anno nella città di Ollantaytambo a Hernando Pizarro e ai successivi encomenderos.
  • Tuttavia, gli invasori spagnoli di solito non visitavano Machu Picchu. Questo probabilmente a causa della brusca strada e della poca importanza economica che rappresentava per loro gli omaggi della città Inca. Così, a differenza di altre importanti cittadelle di Cusco, non costruì alcun tempio religioso nelle sue vicinanze.
  • Con il passare del tempo, la maggior parte del settore urbano di Machu Picchu era coperto da una vegetazione aspra.

Con la fine dello stato Inca, le terre di Machu Picchu erano improduttive. Così, la città Inca era gradualmente disabitata. I pochi coloni che hanno vissuto lì hanno reso omaggio agli spagnoli una volta all’anno a Ollantaytambo. Fino alla sua riscoperta vivevano solo una manciata di famiglie isolate.


Machu Picchu nell’era repubblicana

  • Nel 1821 fu realizzata l’indipendenza del Perù dalla colonia spagnola. Machu Picchu continuò ad adempiere ad una funzione agricola per i pochi contadini che abitavano quelle terre.
  • I proprietari terrieri non mostrarono alcun interesse nel coltivare le terre selvagge di Machu Picchu. Invece, le loro haciendas attiravano gli abitanti di aree remote come le poche famiglie che vivevano nell’area che include la città di Inca.
  • Nel 1865 il ricercatore naturalista italiano Antonio Raimondi arrivò ai piedi del Machu Picchu senza poter visitare la città di Inca.
  • Secondo il ricercatore americano Paolo Greer, nel 1867 l’imprenditore tedesco “Augusto Berns” sarebbe arrivato nella città di Inca con il permesso del governo del Perù. Così, fu in grado di commercializzare alcuni dei tesori che Machu Picchu nascondeva.
  • Nel 1870 furono fatte le prime mappe che menzionavano l’esistenza di Machu Picchu. Nel 1880, il famoso esploratore Charles Wiener afferma che esiste un’area archeologica nella zona. Tuttavia, non poteva arrivarci.
  • Nel frattempo gli abitanti della regione, che hanno vissuto per molti anni con l’esistenza di un sito archeologico Inca nel posto, visitano regolarmente la città di Inca. Ciò è attestato dai graffiti lasciati in un muro Inca dagli abitanti di Cusco nel 1902: Agustín Lizárraga, Gabino Sánchez, Enrique Palma e Justo Ochoa.

La riscoperta di Machu Picchu

  • Nel 1911 l’esploratore americano Hiram Bingham arrivò a Machu Picchu interessato a scoprire la “città perduta di Vilcabamba” . Fu così che informato sulle scoperte di Agustín Lizárraga arrivò nella città di Inca aiutato dagli abitanti locali.
  • Hiram Bingham avrebbe trovato due famiglie fondate a sud delle rovine: il Recharte e l’Álvarez. Finalmente un bambino (figlio della famiglia Recharte) sarebbe stato colui che guidò l’esploratore americano attraverso la fitta vegetazione fino ad arrivare al sito archeologico.
  • Hiram Bingham capì immediatamente l’enorme valore storico della sua scoperta, per la quale chiese la sponsorizzazione della Yale University negli Stati Uniti e il sostegno della National Geographic Society e del governo del Perù.
  • In questo modo iniziarono gli studi del sito archeologico Inca. I lavori di scavo a Machu Picchu sono stati effettuati dal 1912 e sono durati 3 anni. In quel periodo fu possibile ripulire il sottobosco che infestava la città Inca.
  • In totale Hiram Bingham compì tre spedizioni a Machu Picchu tra il 1911 e il 1915. Durante quel periodo riuscì a scavare, fotografare e pubblicare informazioni sulla città Inca.
  • Anche se Hiram Bingham arrivò a Machu Picchu e ne rese nota la sua importanza; non puoi conoscere lo “scopritore” della città di Inca. Questo era già noto alla popolazione locale e non fu mai dimenticato come si crede. In realtà, l’esploratore americano dovrebbe essere riconosciuto come lo “scopritore scientifico” di Machu Picchu.
Fotos captadas por Hiram Bingham en Machu Picchu
Fotos captadas por Hiram Bingham en Machu Picchu.
Fotos captadas por Hiram Bingham en Machu Picchu.
Fotos captadas por Hiram Bingham en Machu Picchu.
Fotos captadas por Hiram Bingham en Machu Picchu.
Fotos captadas por Hiram Bingham en Machu Picchu.
Fotos captadas por Hiram Bingham en Machu Picchu.
Guarda più foto dei viaggiatori

* Courtesy National Geographic.

Machu Picchu oggi

  • Dopo la sua riscoperta, Machu Picchu ha attraversato un processo di ricerca archeologica in cui sono state trovate centinaia di ceramiche, strumenti, intagli, vestiti, mummie e altri oggetti (46.332 pezzi in totale). Questi sono stati inviati alla Yale University degli Stati Uniti tra il 1911 e il 1916.
  • I famosi fotografi peruviani Martín Chambi e Juan Manuel Figueroa pubblicarono immagini di Machu Picchu su riviste peruviane tra il 1924 e il 1928. A causa di ciò, l’interesse del Perù per la nuova Inca City aumentò.
  • Dalla seconda metà del XX secolo, con la costruzione di strade e ferrovie, inizia l’apertura di Machu Picchu ai visitatori del mondo. Questa epoca è caratterizzata dall’interesse turistico della città Inca ma non dell’interesse per un piano di conservazione e di indagine adattato.
  • Fu solo nel 1970 che furono fatti piani per investigare adeguatamente la città Inca di Machu Picchu. Allo stesso tempo, aumenta la visita di turisti provenienti da diverse parti del pianeta.
  • Nel 1981 Machu Picchu fu dichiarato “Santuario storico del Perù”. Nel 1983 è entrato nella lista dei “Beni Culturali dell’Umanità” realizzati dall’Unesco. Allo stesso modo, nel 2007 è riconosciuto come una delle nuove “7 meraviglie del mondo moderno” con il voto virtuale su tutto il pianeta.
  • Oggi, la città di Inca riceve circa 1,5 milioni di turisti all’anno. Con le misure delle visite giornaliere, è stato possibile rimuovere Machu Picchu dalla lista del patrimonio mondiale in pericolo.

 

Di Ticket Machu Picchu – Ultimo aggiornamento, luglio 1, 2019